11 ottobre 2012

Di compleanni e coperte

I miei commenti sui blog che seguo sono ormai da tempo ai minimi storici, anzi non ci sono affatto, ma vi seguo sempre con affetto.
Sta mattina aspettando di alzarmi leggevo qualche post che avevo lasciato da gustare nel silenzio del mattino, quando ancora i bimbi dormono e papino è appena uscito di casa, il momento magico è stato disturbato da ciccio paciocco che ha deciso che le 5:00 erano un buon momento per giocare ad alzarsi in piedi sul letto e lasciarsi cadere sul popò, di tanto in tanto ciucciare e magari vedendo che era bello sveglio il papà lo avrebbe portato con se. Infatti arrampicatosi addosso a papino ha cominciato a salutarmi. Chi sa se ha realizzato che non abbiamo tette da asporto?!
Torniamo a noi. Il post di cui parlavo e che mi ha fatto venire voglia di raccontarvi un pò di cose è questo, di Cristina di Si, sono tutti miei, lo conoscete? Noooo???? Adesso non avete più scuse, dovete leggerlo, lei è stupenda ed i suoi figli dolcissimi.
Sto preparando da un pò il compleanno dei bimbi (tema bosco per Jacopo e fondali marini per Matteo) e mentre mi arrovello sul regalo per Matteo, vedo un manifesto degli spettacoli per bambini al teatro Sistina e penso che gli piacerebbe vedere Peter Pan o Il mago di Oz (voi quale preferite?).
Lo scorso anno siamo andati a vedere lo spettacolo della Melevisione e lui ne parla ancora, quindi sarebbe un regalo perfetto portarlo a teatro, ma qui partono mille dubbi: lo apprezzerà? capirà che è il nostro regalo? sarà all'altezza delle sue aspettative e renderà speciale il suo giorno?
Mi convinco di si ma resta qualche dubbio, almeno fino a quando leggo il post di Cristina e non solo mi rassereno per il regalo, ma penso che ci sarà un motivo per cui mi piace seguire questa famiglia e che è proprio il caso di imparare da loro.
Insomma, la coperta sarà pure troppo corta, ma per certi versi mi sento una privilegiata perchè questo mi permette di valutare con maggiore attenzione le scelte che faccio traendone la maggiore soddisfazione possibile e spero e credo che i miei figli imparino a dare il giusto peso alle cose. Sia chiaro, a volte sarebbe proprio bello fare spendi e spandi ma poi penso che in mano non mi resta niente se non la soddisfazione di un momento e mi piacerebbe scoprire se con più disponibilità economiche sarei la stessa.

1 commento:

  1. Che bello Barbara! Grazie di cuore.
    E, sì, la penso proprio come te, tante volte ci sembra che ci manchi qualcosa, e invece siamo immensamente più ricchi di quanto ci rendiamo conto!!!

    RispondiElimina