30 gennaio 2012

Il "Piccolo Mondo" di Barbara


Da un pò di tempo sono entrata a far parte dell'associazione "Piccolo Mondo", che si occupa della formazione di assistenti materne che operano all'interno di nidi familiari. A breve quindi comincerò quest'avventura, accogliendo in casa mia 4 bambini dai 4 mesi ai 3 anni, oltre al mio piccolo Jacopo, mentre il fratellone Matteo sarà "alla scuola dei grandi".
Sono molto emozionata, mi occuperò di bambini che vivono un periodo molto particolare della loro vita, quello della scoperta di se stessi e del mondo, muovendo i primi passi - letteralmente - senza i genitori. La mia casa e la mia famiglia si stanno preparando al cambiamento ed io continuo la mia formazione (non si finisce mai di imparare!) per essere preparata ad accogliere al meglio questi bimbi.
Desidero offrirgli un ambiente sereno e stimolante, dove possano essere felici, sperimentando e mettendosi alla prova, conquistando passo passo la loro autonomia ed autostima, fondamentale negli anni a seguire, per la costruzione delle relazioni e della propria personalità.
Credo che nei primi anni di vita del bambino, niente sia meglio della presenza costante dei genitori, ma quando questo non è possibile un ambiente protetto ed a dimensione di bambino come un nido familiare sia la soluzione migliore. E' da questa convinzione che nasce la scelta di aprire un nido familiare in cui i genitori possano avere una relazione costante con l'ambiente in cui vivono i figli quando non sono con loro, in cui possono essere sicuri che vengano seguiti con attenzione ed amore, nel rispetto della loro individualità ed unicità.
Il bambino ha bisogno di stimoli, ma anche della libertà di viverli ed affrontarli secondo il proprio grado di sviluppo e preferenza, per questo tutto sarà alla loro portata ed in totale sicurezza. Potranno sperimentare i primi movimenti in un accogliente angolo morbido, conoscere materiali diversi attraverso colorati pannelli sensoriali e la manipolazione di materiali naturali (per i più grandi sono previste attività creative e di manipolazione come la pasta di sale, impastare il pane, la pittura a dita e tanto altro), potranno divertirsi con giochi imitativi e di ruolo (cucinare, travestirsi, lavorare con gli attrezzi e tanti altri giochi), scopriranno la natura e le stagioni attraverso giochi che stimoleranno la loro capacità di osservazione e la cura di un piccolo orto in vaso, che potranno portare a casa per condividere in  famiglia il frutto del loro impegno e delle loro cure.
I bambini si sa, sono unici, ognuno con le proprie esigenze e particolarità, di questo si terrà in gran conto nel progettare le varie attività.
Particolare attenzione sarà rivolta all'alimentazione. Questo è il periodo della scoperta dei cibi, dello stare a tavola e dell'imparare a portare il cucchiaio alla bocca; che felicità quando mostrano i primi segni di autonomia  imparando a mangiare da soli! Quanta importanza ha il nostro impegno nel fornirgli un'alimentazione sana e bilanciata! Per questo si privilegeranno cibi semplici ed il più possibile biologici, in modo che possano imparare a riconoscere i gusti della natura; anche le merende saranno fatte per lo più in casa (dolci, yogurt e succhi di frutta). Chi vorrà potrà continuare a dare il proprio latte (basterà organizzarsi con biberon personali che mi fornirete insieme al vostro latte, per questioni di igiene) ed usare pannolini lavabili, che per motivi ecologici e di salute sono sempre più diffusi.
Se questo è il "Piccolo Mondo" che immaginavate per vostro figlio potete contattarmi attraverso questo blog o il sito dell'associazione alla voce contatti.

12 commenti:

  1. Trovo interessante quello che fai, stimolante ed utile.
    Buona avventura!

    RispondiElimina
  2. uao...ti faccio tanti auguri...se decidessi di buttarmi in una nuova avventura da mamma...ti terrei in considerazione...ma no..non ci casco nonostante provi stima per te :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per gli auguri...ma in che senso non ci caschi?

      Elimina
    2. nel senso che non sono previsti altri fratellini per i gemelli...la vita è già frenitica così com'è :P

      Elimina
    3. Mai dire mai :P
      Sai che ho desiderato tanto i gemelli? Dovessero arrivare mi spieghi come si fa ;)

      Elimina
  3. Bellissimo! Era un'idea che mi frullava per la testa qualche tempo fa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi meglio di te! I L.E.G.O. sono uno spettacolo! ;)

      Elimina
  4. Ti ringrazio dello spunto del tuo commento, lo scopo di un lavoro hands on è proprio quello di sperimentare nel lavoro stesso e nel risultato finale un'utilità dell'attività, una concretezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! I tuoi spunti sono sempre interessanti anche per questo.

      Elimina
  5. ciao!! Mi sono sempre chiesta se in Italia fossero possibili cose del genere... so che in francia e svizzera "vanno di moda"!! colgo l'occasione per chiederti se la tua casa deve avere dei requisiti particolari....
    complimenti per tutto ciò che fai! Luana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luana! scusa il ritardo. Per quanto riguarda i requisiti dipende dalla regione, le cose fondamentali sono lo spazio e gli impianti a norma, ma questo vale per ogni casa.
      grazie per i complimenti e per essere passata a trovarmi ^__^

      Elimina